Per una completa fruizione ti consigliamo di utilizzare l'app RaiPlay o di aprire la pagina con il tuo browser di sistema utilizzando il menù in alto a destra

Sfide St 2014 I nostri avversari amatissimi: Francia

Alex Zanardi ci conduce attraverso una storia avvincente. La prima tappa ci porta in Argentina, Mondiale '78, il nostro esordio contro la Francia. Ne escono episodi inediti raccontati dai protagonisti, come Henri Michel che di buon mattino, alle sei, si incontra di nascosto con Benetti e insieme si fumano la prima sigaretta della giornata. O anche le sue partite a biliardo con Dino Zoff. Quella sfida che per noi parte male, perché la Francia segna con Lacombe, finirà male invece per i transalpini. Tutti i protagonisti racconteranno quella partita: da Zoff a Tardelli, da Zaccarelli ad Antognoni, passando per Bettega e Cabrini. La seconda tappa è dolorosa. Messico, Mondiali '86. Negli ottavi di finale troviamo la Francia del grande Platini. Quella partita non ebbe sostanzialmente storia, "loro" stavolta erano troppo più forti di noi, e gli azzurri malinconicamente si avviarono a chiudere la parentesi di trionfi e bel gioco iniziata nel '78 e suggellata con la vittoria di Spagna '82. Fu anche l'addio alla panchina di Enzo Bearzot. I Mondiali del 1998 si giocano proprio in terra francese. In panchina Cesare Maldini. Girone eliminatorio problematico e ai quarti ancora la Francia! È una sfida carica di tensione che finirà ai maledetti rigori. Pagliuca ci racconterà tutti i segreti di quella sfida incredibile e insieme a lui gli altri grandi protagonisti: Di Biagio, Bergomi, Albertini, Pessotto, Costacurta e l'eclettico Barthez, il numero uno francese. Gli Europei del 2000 sono un altro capitolo di storia italiana. Quella è una squadra che Dino Zoff ha modellato a sua immagine, tenace, concreta, e che riesce a offrire squarci di gioco spettacolare. Il golden gol di Trezeguet ci getterà nello sconforto. L'ultimo atto, i Mondiali di Germania del 2006. Sfileranno tutti i nostri eroi, dal nostro grande allenatore, Marcello Lippi a Grosso, a Cannavaro, a Buffon, a Materazzi, ad Albertini che in quel momento era vice di Guido Rossi di una Figc commissariata.

Torna su