Per una completa fruizione ti consigliamo di utilizzare l'app RaiPlay o di aprire la pagina con il tuo browser di sistema utilizzando il menù in alto a destra

Sfide St 2014 I nostri avversari amatissimi: Brasile

Le emozioni, le gioie, le vittorie e le sconfitte dell'eterno confronto calcistico tra gli azzurri e i carioca. L'Italia, alla fantasia del calcio brasiliano ha spesso opposto l'orgoglio e l'organizzazione del gioco. Come in occasione di quel 12 maggio del '63. Loro avevano Pelè, ventidue anni e una storia tutta da vivere. Finisce 3-0 a San Siro per l'Italia. In azzurro gioca un brasiliano che i verde-oro non hanno voluto: Angelo Benedicto Sormani. Segnerà un gol e si procurerà un rigore. E per vendetta gli negheranno la possibilità di salutare i compagni nello spogliatoio. Sormani ci racconta quel giorno, Mazzola il suo primo rigore. Fu anche la giornata di un ragazzo di nome Trapattoni che quella volta cancellò il grande Pelè. E ancora finale di Mexico '70. Il racconto dei protagonisti: Pelè, Albertosi, Carlos Alberto, Rivelino, De Sisti, Cera, Mazzola, Boninsegna, ricordano una partita che durò solo un tempo, poi i brasiliani presero il sopravvento e vinsero il Mondiale. La memorabile rivincita arriva dodici anni dopo, Spagna '82. Tre gol di Paolo Rossi si trasformeranno in un autentico incubo per tutto un Paese. I protagonisti di quella partita: Junior, Zico, Oscar e Serginho ancora oggi si arrabbiano, raccontano della furbizia italica, insomma non ci vogliono stare. Parlano anche i protagonisti azzurri di quella storica impresa: Zoff, Cabrini, Gentile, Conti, Tardelli, Bergomi, Antognoni. A distanza di altri 12 anni, questa volta ai Mondiali Usa '94, va in scena la partita della disperazione. Siamo in finale contro il Brasile e si decide tutto ai rigori. «Sfide» affida il racconto di quel giorno ai portieri, Taffarel e Pagliuca, a Baggio che sbagliò dagli undici metri e naturalmente a tutti gli altri protagonisti, da mister Arrigo Sacchi a Daniele Massaro, da Demetrio Albertini a Mauro Silva. E poi il ricordo più fresco, l'amichevole di Ginevra del 2013, in cui gli azzurri di Prandelli, sotto di due gol, ritrovano il sorriso con De Rossi e Balotelli: 2-2

Torna su