Per una completa fruizione ti consigliamo di utilizzare l'app RaiPlay o di aprire la pagina con il tuo browser di sistema utilizzando il menù in alto a destra

Linea Verde St 2013/14 Linea Verde Orizzonti - Sardegna: l'Isola che c'è

Ci sono isole ed isole. Mare e mare. Monti e monti. La Sardegna è certamente uno dei gioielli più preziosi del Mediterraneo. Perché, in un mondo che si sente minacciato dalla globalizzazione dei consumi e dei mercati, che non sa coglierne gli aspetti positivi e le fasi salienti, che sono poi quelli che non contaminano le aree rurali e le più intime tradizioni, in Sardegna questo miracolo è stato possibile. Come? Con una cultura dell'accoglienza che non esclude, ma include. Gelosi millenari custodi di preistoriche tradizioni, i sardi sono fra i pochi popoli che hanno fatto dell'orgoglio e dell'appartenenza un segno distintivo delle proprie radici, della propria cultura e del proprio carattere. Sanno essere aspri e pungenti come il paesaggio, ma all'improvviso generosi e solari come quel verde che interrompe ed esplode fra rocce e dirupi. Loro malgrado hanno subito la colonizzazione di un turismo globalizzato e massificato, che ha reso celebri angoli di paradiso interrompendoli qua e là con mode e locali notturni, ma hanno saputo difendersi con dignità ed orgoglio. La Sardegna di questa puntata accende diverse luci e non conosce ombre: dalla Gallura, recentemente disastrata dalle alluvioni dello scorso autunno, dove si recherà Federico Quaranta, alle Baronie che si aprono nella parte centrale del nuorese, ad est della grande isola, dove ci condurrà Chiara Giallonardo. Un viaggio nel cuore della Sardegna, ma principalmente nel cuore dei sardi. Gente di mare, di aspre colline, di declivi e dirupi, di grandi eccellenze, ma anche e soprattutto gente di preziose mani artigiane, laboriosa ed attenta, orgogliosa ed onesta, robusta e testarda insieme, capace di coniugarsi al futuro con la saggezza e la certezza di un grande passato. E di un grande carattere dalla forte e passionale personalità, che non cede all'emotività, ma che sa aprirsi alle più intense emozioni.

Torna su