Per una completa fruizione ti consigliamo di utilizzare l'app RaiPlay o di aprire la pagina con il tuo browser di sistema utilizzando il menù in alto a destra

Rai Cinema Channel Club - Mogli pericolose

MOGLI PERICOLOSE di Luigi Comencini I 1958 100 Con SYLVA KOSCINA, RENATO SALVATORI, FRANCO FABRIZI, DORIAN GRAY Gli uomini sono tutti uguali, quando sono lontano dalle loro mogli chissà quante ne combinano. Ma non è così per tutti. Ad esempio Federico (Salvatori) sembra un marito a posto, talmente onesto che Tosca (Koscina), unamica di sua moglie, è costretta a pagare pegno con questultima per aver osato pensar male di quel poveruomo. Come Tosca anche Ornella (Gray) non nutriva grande fiducia nel bel Federico, ma ora ha altro a cui pensare visti gli strani atteggiamenti che ultimamente ha suo marito Bruno (Fabrizi), guarda caso dopo che questultimo ha visto Tosca esibirsi in un ballo certo non per educande. Le cose si complicano ulteriormente perché Bruno è il capo ufficio del marito di Tosca, con questultimo sospettoso del particolare interesse che Bruno ha nei confronti di sua moglie. Il diabolico intreccio è servito. Non fatevi prendere dal panico nel leggere la trama inevitabilmente complicata e godetevi la divertente commedia corale del maestro salodiano. I personaggi sono molti di più di quelli descritti, il racconto costruito da Comencini, insieme a Marcello Fondato, Edoardo Anton e Ugo Guerra, funziona come un orologio svizzero. Grandi attori e grandi caratteristi tutti perfettamente in parte, con la Gray che vinse il Nastro dArgento come attrice non protagonista. Oltre ai citati, fra gli altri ci sono Mario Carotenuto e Pupella Maggio, cioè i coniugi Benny e Lolita; Nino Taranto è Pirro, marito di Tosca; Giorgia Moll è Claudina, moglie di Federico. Si ride, si sorride e, volendo, si imparano trucchi e trucchetti per come gestire la gelosia del proprio partner. Agli uomini segnaliamo la sequenza in cui Federico, nellabbandonare silenziosamente la propria camera da letto, si sfila il pigiama lasciandolo fra le braccia di Claudina che dorme. Funzionerà davvero? Umberto Berlenghini

Torna su