Per una completa fruizione ti consigliamo di utilizzare l'app RaiPlay o di aprire la pagina con il tuo browser di sistema utilizzando il menù in alto a destra

Memorie - Fatti e persone da ricordare Gino Bartali, campione e mito

Il 5 maggio del 2000, muore a Firenze, Gino Bartali, leggenda dell'Italia in bicicletta, campione e mito di un ciclismo povero e senza trucchi. Soprannominato Ginettaccio, fu grande avversario di Coppi. La loro rivalità divise l'Italia. La sua carriera durò 20 anni. Durante la Resistenza si è adoperato in favore dei rifugiati ebrei, ottenendo per questo il riconoscimento di Giusto tra le nazioni dallo Yad Vashem. Nel 2005 il Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi gli conferì la medaglia d'oro al merito civile per aver salvato "circa 800 cittadini ebrei". Era nato a Ponte A Ema il 18 luglio 1914. Videografia: Il mattatore (1959), Gino Bartali: l'intramontabile (2006), Incontro con Gino Bartali (1962), L'Italia di Bartali e Coppi (2000), Alfabeto italiano: un popolo di sportivi (1998)

Torna su