Per una completa fruizione ti consigliamo di utilizzare l'app RaiPlay o di aprire la pagina con il tuo browser di sistema utilizzando il men? in alto a destra

Sorgente di vita - 25/11/2017 St 2017/18 - Puntata del 25/11/2017

Illustratore, disegnatore, scenografo, costumista, autore di film di animazione: a dieci anni dalla scomparsa, Genova rende omaggio a Emanuele “Lele” Luzzati con una mostra visitabile al Museo ebraico fino al 20 dicembre. Dalle vetrate della sinagoga agli oggetti rituali, dalle illustrazioni alle ceramiche, dai manifesti ai costumi di scena, la curatrice Danièle Sulewicz, collaboratrice di Luzzati per oltre 50 anni, ha voluto raccontare il maestro a trecentosessanta gradi. Il film “La signora dello zoo di Varsavia” è tratto da una storia vera, avvenuta a Varsavia durante l’occupazione nazista. Un lungometraggio sui coniugi Zabinski, custodi dello zoo della capitale polacca, che aderirono alla Resistenza in Polonia e che rischiarono la vita pur di salvare ebrei costretti nel ghetto e destinati alla deportazione. Per presentare il film, interpretato da Jessica Chastain e diretto dalla regista Niki Caro, è giunta in Italia Teresa, figlia dei coniugi Zabinski. Il giovane autore francese originario del Mali Ahmed Dramè, cresciuto nella banlieue parigina, è stato tra gli scrittori finalisti al premio letterario dell’ADEI-WIZO, l’Associazione Donne Ebree d’Italia. Ha consegnato la sua storia di liceale a una sceneggiatura, che è diventata un bel film corale e un romanzo autobiografico, vero e proprio caso in Francia, “Una volta nella vita”. Tra fiction, documentari, cartoon, commedie brillanti e film impegnati, una kermesse alla Casa del Cinema di Roma, dedicata al cinema israeliano e a tema ebraico. E’ il Pitigliani Kolnoa Festival, giunto alla dodicesima edizione. Molti gli ospiti di alto profilo, dal padre dell’animazione israeliana Hanan Kaminski, che ha presentato in anteprima italiana il suo ultimo lungometraggio, “La leggenda di Re Salomone”, al reporter di guerra Itai Anghel, con il suo straordinario documentario dal fronte “Invisible in Mosul”.