Per una completa fruizione ti consigliamo di utilizzare l'app RaiPlay o di aprire la pagina con il tuo browser di sistema utilizzando il menù in alto a destra

Castagneto Carducci e Bolgheri - 21/01/2017 St 2016/17 - La Maremma toscana: Castagneto Carducci e Bolgheri - 21/01/2017

Un viaggio tra storia, natura e cultura nel territorio di Castagneto Carducci e Bolgheri, in quel lembo di terra tra Grosseto e Livorno che ricorda la Maremma selvaggia di un tempo, con le sue zone umide e la sua ricchissima fauna. Osvaldo, a bordo di un'auto d'epoca, percorrerà il famoso viale dei "cipressi che a Bólgheri alti e schietti van da San Guido in duplice filar" il passo di Giosué Carducci in "Davanti a San Guido" sarà uno dei temi ricorrenti della trasmissione che riporterà alla poetica appresa tra i banchi di scuola. Sereno Variabile visiterà la casa museo di Castagneto Carducci dove il poeta trascorse l'adolescenza e la memoria della sua figura avrà come sfondo le vicende storiche della metà dell'800 e i moti rivoluzionari del '48 che lo videro fervente simpatizzante. La visita a San Guido farà conoscere la storia della scuola elementare del piccolo borgo che, a partire dagli anni '50 del 1900, accolse i figli degli emigranti marchigiani che venivano chiamati a coltivare i vasti possedimenti agricoli. Un primo esempio di accoglienza ed integrazione ancora vivo nella memoria delle maestre e degli alunni di un tempo che racconteranno le loro commoventi testimonianze. Si parlerà dei vini più celebrati del mondo, dei piatti della cucina tipica toscana, e si percorrerà uno showroom dedicato all'universo del peperoncino: decine di varietà coltivate da una autentica "sacerdotessa" che illustrerà l'utilizzo della spezia nell'alta cucina secondo i gradi più piccanti. Dopo una interessante escursione nel Rifugio Faunistico Padule di Bolgheri, gestito dal WWF Italia, Osvaldo visiterà una distilleria storica che ha ripreso negli ultimi anni la produzione artigianale della China, liquore caro al poeta. Si recherà poi a visitare una mostra di vecchie foto e una bottega dove vengono prodotti oggetti in vetro e ceramica. Infine, i ricordi di un personaggio amatissimo a Bolgheri, l'ex maggiordomo dei Conti della Gherardesca, al servizio della casata per 40 anni.