Per una completa fruizione ti consigliamo di utilizzare l'app RaiPlay o di aprire la pagina con il tuo browser di sistema utilizzando il men? in alto a destra

Linea Blu - Sardegna: Muravera 30/05/2015 St 2015 - Sardegna: Muravera

Dal Promontorio di Capo Ferrato alla Marina di Porto Corallo, al promontorio di Capo San Lorenzo: l'appuntamento di Lineablu, con Donatella Bianchi, sarà un viaggio lungo le coste sud-orientali della Sardegna. Un susseguirsi di sentieri e prati fioriti che conducono a piccole insenature di spiagge e rocce che si affacciano su un mare blu cobalto: nella cornice di una natura selvaggia ed incontaminata, ad un altezza di 51 metri sul livello del mare, sulla punta del promontorio che oggi è un oasi naturalistica, il faro di capo Ferrato e l'interessante progetto per la valorizzazione di antichi sentieri e delle vie dei carbonai. Nella valle del fiume Flumendosa tra splendidi agrumeti, in canoa lungo il secondo fiume della Sardegna. Dalla pesca delle attinie a quella delle anguille con i bertovelli, dalla molluschicoltura all'allevamento delle orate in gabbia, dal problema dei cormorani, divenuti un vero flagello per l'economia locale, l'insabbiamento delle bocche a mare che impedisce la rimonta del pesce: in un tripudio di specchi d'acqua, di ogni dimensione, dove sostano numerose specie migratorie, tra cui gli eleganti fenicotteri rosa, la prepotente bellezza degli stagni di San Giovanni, Colostrai e di Ferraxi. Sott'acqua: nelle limpide acque dell'oasi di Capo Ferrato, ad un profondità di 20 metri, inaspettati incontri con misteriose e leggiadre creature. Dalle bianche sabbie di Costa Rei al promontorio di Capo Ferrato, dal sistema di torri costiero agli oltre otto chilometri della spiaggia di Murtas all'interno del poligono militare interforze del Salto di Quirra: in mare, un periplo per ammirare le bellezze di una costa estremamente eterogenea e selvaggia. Tradizioni: alla scoperta dei prelibati sapori delle specie lagunari con la tipica "sagassola", gustosa zuppa preparata con il pesce "povero" in una della capitali delle launeddas, antichissimo strumento a fiato, esclusivo della Sardegna.