Per una completa fruizione ti consigliamo di utilizzare l'app RaiPlay o di aprire la pagina con il tuo browser di sistema utilizzando il men? in alto a destra

Gino Bartali, campione e mito

Il 18 luglio 1914 nasce a Ponte a Ema, Gino Bartali, leggenda dell'Italia in bicicletta, campione e mito di un ciclismo povero e senza trucchi. Soprannominato Ginettaccio, fu grande avversario di Coppi. La loro rivalità divise l'Italia. La sua carriera durò 20 anni. Durante la Resistenza si è adoperato in favore dei rifugiati ebrei, ottenendo per questo il riconoscimento di "Giusto tra le nazioni " dallo Yad Vashem. Nel 2005 il Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi gli conferì la medaglia d'oro al merito civile per aver salvato "circa 800 cittadini ebrei". Muore a Firenze il 5 maggio del 2000. Videografia: Il mattatore (1959), Gino Bartali: l'intramontabile (2006), Incontro con Gino Bartali (1962), L'Italia di Bartali e Coppi (2000), Alfabeto italiano: un popolo di sportivi (1998)