Petrolio Cattive acque - 02/12/2017

Lacqua è la risorsa indispensabile per la vita e per tutto ciò che facciamo: i bisogni crescono così rapidamente da superare ciò che la natura può offrire. Ogni famiglia consuma mediamente al giorno 5000 litri di acqua, ne servono 140 per produrre una tazzina di caffè, 15 mila per 1 chilo di carne bovina, 11 mila litri di acqua per un paio di jeans. Sprechi, rete idrica obsoleta, sostanze contaminanti contribuiscono a rendere lacqua persino nociva. "Petrolio, around midnìght" indaga sulle cause che stanno mettendo a rischio disponibilità e sicurezza dellacqua. Dal drammatico caso di avvelenamento in Veneto, dove i composti chimici industriali hanno inquinato una delle falde acquifere fra le più ricche dEuropa, alle conseguenze sulla popolazione con 200 mila persone esposte ai micidiali PFAS, la sostanza chimica utilizzata per impermeabilizzare tessuti e padelle. Petrolio prosegue il viaggio dal nord al sud dItalia per scoprire che Potenza è la città che disperde più acqua, il 68% di perdite della rete idrica, Agrigento quella dove cè acqua che costa il triplo che in altre città anche se non arriva tutti i giorni. E su questo caso che si concentra la seconda parte dellinchiesta: le conseguenze di una privatizzazione che non solo non ha migliorato il servizio ma che in alcuni casi eroga acqua persino non potabile. E nella Capitale attraversata dal biondo Tevere inquinato e abbandonato a se stesso, cosa sta accadendo? Duilio Giammaria ha navigato il Tevere insieme alle associazioni di cittadini che con il Comune di Roma e la Regione Lazio, hanno messo a punto Agenda Tevere, un innovativo sistema di governance che potrebbe trasformare il fiume in un luogo integrato alla città, e soprattutto a disposizione dei cittadini come già accade a Parigi, Londra, Berlino

Giorni rimanenti

Torna su