Dario Fo e Franca Rame - La nostra storia Ep 14 Morte accidentale di un anarchico

Il 12 dicembre 1969 la bomba alla Banca Nazionale dell'Agricoltura in piazza Fontana a Milano apre la stagione insanguinata degli anni di piombo. Dell'attentato fu accusato, con Pietro Valpreda, l'anarchico Giuseppe Pinelli, morto alcuni giorno dopo in questura in circostanze non chiarite. Di questo "suicidio di Stato" i movimenti antagonisti vicini alla sinistra extra-parlamentare accusarono il commissario Luigi Calabresi, assassinato nel 1972 per mano di alcuni militanti di "Lotta Continua", giornale che, con "LEspresso", si era battuto per la verità sul "caso Pinelli". L'avallo statale rispetto al sopruso patito dal ferroviere anarchico e che condusse alla tragica morte di Calabresi è al centro di "Morte accidentale di un anarchico", uno degli spettacoli più noti e rappresentati di Fo, nonché il più controverso, che costò all'artista e alla sua compagnia oltre 40 processi.

Giorni rimanenti

Torna su