Agorà Gallarate: Daspo nella manica del 12/04/2017

Un servizio di Rossella Ricchiuti - Non ci ha pensato due volte Andrea Cassani, 34 anni, leghista maroniano, da un anno sindaco di Gallarate, ad applicare nel suo Comune il "Daspo urbano", in vigore dal 23 marzo scorso e voluto dal Ministro Minniti per contrastare il vandalismo nelle città. Dunque, nel comune a due passi da Milano, è scattata la guerra a quella che Cassani ha chiamato "i compagni del tavernello". La pena? Una multa di 100 euro (il doppio in caso di recidiva) prevista contro chi bivacchi consumando alcolici fuori da locali e zone deputate, dissemini rifiuti o imbratti i muri con in più l'obbligo, se colto in flagrante, di ripulire i muri. Nel racconto di Rossella Ricchiuti, le voci e le reazioni dei residenti.?

Giorni rimanenti

Torna su