Linea Verde St 2016/17 Alpi Apuane - 26/03/2017

Linea Verde ci porta alla scoperta di una terra meravigliosa e fragilissima: quella delle montagne che stanno tra Garfagnana e Lunigiana. In questa Toscana meno conosciuta è cominciata una lenta azione di recupero di terre incolte e di pascoli abbandonati anche in difesa dell'ambiente. C'è Eva la pastora che da 84 anni non è mai scesa dal suo rifugio di Campo all'Orzo, c'è Cristina che si batte per la tutela dell'agnello di Zeri e che con un altro gruppo di giovani donne ha riscoperto la pastorizia. Ci sono i castanicoltori della Garfagnana che nonostante la crisi non mollano e producono la farina di Neccio Dop della Garfagnana. Patrizio Roversi dall'elicottero ci mostra i panorami mozzafiato delle cave di marmo di Carrara e poi va a Zeri, in Lunigiana, a conoscere le pastore dell'agnello più pregiato d'Italia fino a Colonnata, per comprendere origini e produzione di un cibo che da poverissimo è diventato un gioiello gastronomico: il Lardo di Colonnata Igp prodotto in una quantità molto limitata dagli artigiani delle Apuane che lo stagionano nelle "conche di marmo". Ancora una ricetta tipica che racconta un cibo povero diventato una prelibatezza porta Patrizio a Massa alla scoperta della "calda calda" che si fa con la farina di ceci. Arduo il compito di Daniela Ferolla che prima si inerpica sulle Apuane Meridionali e poi sale fino all'Alpe di Puntato dove Rayan, un ex modello, ha recuperato antichi casali in pietra per fare agriturismo e ospitare gli escursionisti che scalano la Pania della Croce, ha piantato antiche cultivar di frutta, sta rimettendo a coltura campi di segale ed orzo per ridare vita ad un luogo fantastico.

Giorni rimanenti

Torna su